Due episodi che mi terrorizzano ancora

Ho 32 anni e sono omosessuale, dichiarato e sereno.

Ho ormai superato da anni le problematiche di auto accettazione della mia sessualità, tuttavia ogni tanto mi tornano in mente due episodi della mia vita poco piacevoli che non ho mai confidato a nessuno. Credo che questi due eventi abbiano segnato la mia vita sessuale e forse anche le mie capacità di relazione in maniera decisiva e purtroppo negativamente.

All’età di tredici anni, quando stavo piano piano scoprendo la sessualità, sono stato iniziato all’autoerotismo da un mio famigliare molto prossimo e molto più grande di me, anziano di età e del mio stesso sesso. Non so se si può parlare di violenza sessuale, perché in qualche modo avevo delle erezioni, ma ancora oggi che ci penso mi mette ansia. E’ durato per circa due anni durante i quali saltuariamente venivo toccato nelle mie parti intime. Ormai la persona è morta da un po’ di anni, e non so ancora oggi come accettare quanto accaduto.

Negli anni successivi ho cercato di dimenticare quanto successo e svolto la normale vita di adolescente con gioie e dolori.

All’età di ventiquattro anni tuttavia mi sono trovato a vivere un’altra esperienza, forse conseguenza della prima di cui ancora non trovo pace. All’epoca dividevo una stanza con un caro amico, compagno di università e una notte ho cominciato  a toccarlo nelle parti intime e cercato di avere un rapporto al buio senza dire nulla. Lui sconvolto non ha avuto il coraggio di reagire  e io ho continuato a fare ciò per altri sei mesi. Lui un po’ accettando  la situazione un po’ incapace di reagire. Finalmente lui ha avuto il coraggio di reagire e di parlarne con me alla luce del sole. E’ stato un dramma, non sapevo cosa fare ero in stato confusionale, ma anche terapeutico. La nostra amicizia si è interrotta per ben tre anni, durante i quali ho saputo comunque accettare la mia omosessualità e cominciare ad avere delle relazioni e dei rapporti sani con altri ragazzi.

Nonostante oggi mi senta abbastanza sereno, a abbia anche avuto relazioni intense e lunghe,  pensando a questi due eventi mi terrorizzo ancora, e quando in alcuni momenti mi ritrovo timido e incapace di parlare apertamente con gli altri penso che sia il frutto di queste mie due esperienze.

Arturo

Vedi tutti gli articoli pubblicati dall'autore
la differenza
1]


Il sito Disclaimer Mappa del Sito Area riservata