Terapia di coppia

La terapia di coppia è uno spazio di riflessione per trovare gli strumenti di risoluzione dei conflitti.

Ci si prende del tempo per valutare se i partner possiedono le abilità indispensabili ad una vita insieme.
È di breve durata perché la coppia che funziona trova in poco tempo la giusta direzione, quella che non funziona se ne accorge e si separa.

In Italia le coppie difficilmente si rivolgono allo psicologo e, quando lo fanno, la crisi è molto profonda.
Al contrario, negli USA, questo intervento è più diffuso e richiesto quando la coppia ha ancora molte potenzialità.

La vita di coppia segue un percorso di alcune fasi, con molti alti e bassi.
Quando una storia inizia, i partner sono in una fase di disponibilità all'amore, cioè sono propensi ad innamorarsi, hanno bisogno di intimità, confidano nel fatto di potere essere amati e hanno desiderio sessuale. Insomma, sono in cerca di un fidanzato/a.
Una volta trovata la persona che risponde alla disponibilità all'amore, ha inizio quella fase idilliaca chiamata amore romantico, in cui prevale la passione e il partner è l'unico motivo di vita.

Nell'innamoramento, il partner sembra perfetto perché si riesce a vederlo solo nel modo in cui vorremmo che fosse: è il principe azzurro, o la bella principessa imprigionata nella torre.
Dopo un pò, il sogno di una vita romantica sfuma e inizia una fase di transizione, dove il principe azzurro si trasforma in un uomo normale, noioso e brontolone, la principessa è ipercritica, esigente e non così bella come sembrava all'inizio. Se si vuole proseguire la storia bisogna ridimensionare le aspettative. L'altro non deve essere considerato chi è sempre disponibile per noi, pronto a soddisfare i nostri desideri.

Nella vita a due è irrealistico aspettarsi di:

  • ottenere sempre ciò che si vuole
  • ottenerlo sempre quando si vuole
  • ottenerlo sempre nel modo desiderato
  • evitare rinunce, difficoltà, sofferenze.

Superata la fase della transizione, se la coppia resiste, inizia la fase dell'amore amicale in cui il rapporto si basa sulla conoscenza reciproca e la stabilità.

Una coppia si separa quando non riesce a correggere le aspettative irrealistiche.
Il partner, quello reale, non quello idealizzato, non può soddisfare i nostri bisogni, così si inizia a giudicarlo come limitante la nostra realizzazione, come persona di poco valore: ogni motivo è buono per litigare, anche la vita sessuale diventa insoddisfacente.
Una coppia in crisi dovrebbe astenersi dal prendere una decisione perché, qualunque essa sia, se presa d'impulso, potrebbe poi rivelarsi quella errata.
Una coppia in crisi cerca di resistere alla tormenta perché sa che una volta interrotto il rapporto sarebbe difficile da ricucire, la rottura porterebbe troppa sofferenza e, se la crisi non si risolvesse, ci si potrebbe comunque separarsi in futuro.

È bene ricordare che la vita di coppia, nonostante sia un'aspettativa sociale, non è qualcosa di scontato, ma è indispensabile possedere almeno queste quattro abilità per farla funzionare:

  • Affrontare la disillusione: non pretendere che il partner sia come noi lo vorremmo
  • Sapere comunicare: dirsi le cose in modo adeguato, senza accusare o inferiorizzare
  • Gratificare il partner: cercare di soddisfare i suoi bisogni reali, non i nostri pensando che questo gratifichi anche lui.
  • Affrontare i conflitti: elaborare strategie di risolvere i problemi, non scappare da essi.

...............................

Problemi di coppia?
clicca qui e parliamone assieme!

...............................

 

Alessandra Banche

Vedi tutti gli articoli pubblicati dall'autore
disturbi sessuali
1]


Il sito Disclaimer Mappa del Sito Area riservata